Lombardi, Leccese, Jozsef e Mari vincono il “Buone Notizie” 2017. “Buona Notizia 2016” il ristorante solidale Ruben a Milano di Ernesto Pellegrini

CASERTA – Padre Federico Lombardi, direttore emerito della Sala Stampa Vaticana e di Radio Vaticana; Safiria Leccese, conduttrice de “La Strada dei Miracoli” su Rete4; Eric Jozsef, corrispondente dall’Italia del quotidiano francese “Liberation”; Arturo Mari, “il fotografo del Papa”; sono i vincitori dell’edizione 2017 del premio “Buone Notizie”.

Il prestigioso riconoscimento, giunto alla nona edizione, è l’unico in Italia a premiare le «buone notizie», cioè non solo l’informazione corretta e completa, ma anche quella pronta a fare un passo in più raccontando la normalità positiva della società. Il “Buone Notizie”, premia per la terza volta anche la “Buona notizia dell’anno”, scelta grazie alla collaborazione con il multiblog “Buone notizie” del “Corriere della Sera”. La “Buona Notizia” del 2016, è il ristorante solidale “Ruben” di Ernesto Pellegrini a Milano: un ristorante che dona circa trecento pasti al giorno, a un euro a pasto. Un aiuto per chi non può più permettersi una cucina a casa o non ha i soldi per la spesa o per chi è solo temporaneamente povero a causa della crisi economica. Un ristorante divenuto ancora più fondamentale in questo 2016 appena trascorso di storica deflazione.

L’idea della “Buona Notizia” dell’anno è quella di diffondere sempre più il racconto delle storie positive, che spesso si smarriscono nel marasma dell’eccezionalità e della cronaca, perdendo la loro carica positiva, ed eleggendone idealmente una a icona per un intero anno. La consegna del premio, una scultura in bronzo, fusa appositamente dall’artista Battista Marello, avverrà sabato 21 gennaio alle 16 nella Biblioteca del Seminario di Caserta (in piazza Duomo a Caserta).

Il 21 sarà consegnato anche un altro riconoscimento: saranno premiati gli studenti o le scuole che hanno partecipato alla seconda edizione del concorso “Buone notizie Scuola”, che prevedeva la realizzazione di clip sul tema “L’ambiente: una risorsa da recuperare ”. Il premio «Le Buone Notizie – Civitas Casertana», ideato dall’Ucsi, è organizzato insieme con l’Assostampa, l’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali di Caserta, il Corso di Comunicazione dell’Issr, l’associazione “ScrivEremo”, e in partecipazione con il multiblog “Buone Notizie” del “Corriere della Sera”. Gode inoltre del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici italiani. Il premio, realizzato anche grazie al sostegno di Confindustria Caserta, presieduta da Gianluigi Traettino; Studio Legale Iaselli, di Gianpaolo e Renato Iaselli; del Gruppo Mgt di Giuseppe Luberto; e della Reale Mutua Assicurazioni-Agenzia Generale di Caserta di Giovanni Discepolo, si terrà alla presenza del Vescovo di Caserta, monsignor Giovanni D’Alise.

«L’obiettivo del premio – spiega il presidente dell’Assostampa di Caserta, Michele De Simone – è quello di promuovere il valore dell’informazione corretta ed equilibrata. Siamo inoltre onorati di premiare la Buona Notizia dell’anno in collaborazione con il blog del Corriere della Sera e di aver avviato una sezione per le scuole». «Il nome Buone notizie – spiega Luigi Ferraiuolo, presidente della sezione di Caserta dell’Ucsi – è nato dall’empito di voler promuovere i comunicatori e le persone che fanno buona informazione raccontando anche i lati positivi della quotidianità».

Premio Buone Notizie Scuola prorogato fino all’otto gennaio 2017

CASERTA – Prorogata all’otto gennaio la consegna del video per il Premio Buone Notizie Scuola/Giovani. Dalla grande esperienza e successo del Premio «Buone Notizie – Civitas Casertana» è nata la sezione Scuola, con una prova video sul tema «Buone notizie: l’ambiente è una risorsa da recuperare», per l’anno scolastico 2016/2017.

L’idea è quella di un video che racconti, denunci o promuova – in maniera giornalistica e secondo i dettami del medium scelto (clip, spot, etc.) – un singolo fatto per narrazione. «Si tratta di un concorso rivolto ai giovani studenti di tutti i tipi di scuola – spiegano gli organizzatori del Premio Luigi Ferraiuolo e Michele De Simone – che non solo educa i giovani alla fruizione consapevole dei media, ma anche al loro uso, formandoli all’utilizzo delle nuove tecnologie e sviluppando la loro creatività. Lo scorso anno fummo sommersi dai video».

È opportuno tenere presente che si tratta di un concorso giornalistico per studenti e non puramente creativo. Sarà, pertanto, apprezzato anche lo stile giornalistico, la capacità di sintesi, la chiarezza del linguaggio e la coerenza dello stesso al mezzo utilizzato. La partecipazione è aperta a tutti gli studenti, italiani e stranieri, che frequentino le classi delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, dalla scuola primaria all’università, del territorio nazionale. Si può partecipare singolarmente, in gruppi o per classi con un video, da inviare entro la mezzanotte dell’otto gennaio 2017 esclusivamente via email all’indirizzo giovani@premiobuonenotizie.it. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito www.premiobuonenotizie.it. Oppure chiamare il numero 00 39 338.9829091

Il sostegno del Quirinale per il Premio Buone Notizie

C’è anche la lettera di apprezzamento arrivata dalla Presidenza della Repubblica per il premio di giornalismo e comunicazione «Le buone notizie-Civitas Casertana», in programma oggi a Caserta alle 16 nella sala conferenze della Biblioteca Diocesana di Caserta.

«È giusto – scrive il Segretario Generale della Presidenza Donato Marra – che l’informazione serva anche a dare voce al silenzioso operare del bene, del buono, del giusto perché da tanti esempi di eccezionale normalità si possa trarre forza, ottimismo, speranza».

I giornalisti premiati sono quest’anno il direttore de Il Mattino, Alessandro Barbano, il direttore di Tg2000, Lucio Brunelli, la vicedirettrice di «Famiglia Cristiana», Renata Maderna, e il Direttore di «Tv2000», Paolo Ruffini. Grazie alla collaborazione del blog «Buone Notizie» del Corriere della Sera, la novità di questa edizione è la premiazione non solo dei giornalisti, ma anche della notizia e la «buona notizia» che ha avuto il riconoscimento della giuria riguarda la storia di un ragazzo marocchino, Hicham Ben’Mbarek, il quale, dopo aver avuto sette attacchi di cuore in mezz’ora su un campo di calcio per dilettanti, è riuscito a raggiungere l’ospedale dove è rimasto vari mesi e a trovare un cuore «nuovo», quello di un italiano, che ha fatto di lui «un musulmano con il cuore di un cristiano».

Il premio «Le Buone Notizie » ideato dall’Ucsi è organizzato con l’Assostampa, l’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali di Caserta, il Corso di Comunicazione dell’Issr, l’associazione «ScrivEremo». La manifestazione è stata realizzata con il sostegno di «Risorse e futuro, e «Mgt».

«L’obiettivo – spiega il presidente dell’Assostampa di Caserta, Michele De Simone – è promuovere il valore dell’informazione corretta ed equilibrata».